eutanasia, l’altro referendum dei radicali: quello buono? – 21 giugno 2021

ripubblico questo mio post del giugno scorso, dopo l’ineccepibile decisione della Corte Costituzionale che ha dichiarato inammissibile il quesito referendario dei radicali sul fine vita, scritto veramente in maniera indecente.

spiace per i molti che ci hanno creduto e che si sono fatti fuorviare ad appoggiare un quesito assurdo, per come era formulato: un modo sbagliato per affermare un principio giusto; ma non è così che si fa!

non ho firmato questo quesito e avrei purtroppo dovuto votare contro, se fosse stato ammesso, come spiegavo qualche mese fa.

ma, adesso, via libera alle ciance populiste di chi non è capace di giudicare nel merito e firma un quesito sul sentito dire e senza leggerlo, e alle proteste di chi non è nemmeno capace di scriverlo.

. . .

avevo comunque ripreso il tema anche qui, il 20 settembre scorso: quattro tipi di referendum più che quadrupli – 447 :

[…] il secondo tipo di referendum […] sta raccogliendo un successo enorme di firme; si propone di intervenire sul fine vita, visto che il parlamento ha lasciato cadere per ben due volte l’invito della Corte Costituzionale a correggere la legge e abbiamo il bene di un presidente della repubblica che comunque se ne è lavato le mani e si è ben guardato, ad esempio, dal minacciare il Parlamento di scioglierlo se non obbediva (sarebbe il minimo), ma neppure ha ritenuto di farci almeno un messaggio; e per fortuna a breve se ne va, dopo un settennio grigio da notaio stanco. [ahimè, scrivevo proprio così].

questo quesito del referendum […] purtroppo legalizza del tutto in generale l’omicidio del consenziente, senza altre specificazioni; io non credo che sia neppure accettabile, perché contrasta con principi costituzionali fondamentali.

capisco che si tratta di un apprezzabile tentativo disperato di smuovere gli apatici bonzi parlamentari, ma avrebbe conseguenze gravi, se approvato; quindi occorre astenersi anche qui, o votare NO, pur condividendo l’intenzione di chi lo ha promosso.

Cor-pus 2020

che sia quello buono, questo ulteriore referendum dei radicali, dopo quelli promossi con Salvini (referendum Radicali e Lega contro le leggi contro la corruzione – 248)?

lo si potrebbe vedere, appunto, anche dal fatto che questo Salvini si guarda bene dall’appoggiarlo.

ma ammetto che come criterio questo è troppo empirico, e dunque veniamo al merito.

. . .

guardiamo prima di tutto al testo del quesito: Volete voi che sia abrogato l’art. 579 del codice penale (omicidio del consenziente) approvato con regio decreto 19 ottobre 1930, n. 1398, comma 1 limitatamente alle seguenti parole «la reclusione da sei a quindici anni.»; comma 2 integralmente; comma 3 limitatamente alle seguenti parole «Si applicano»?

ma allora chi ha letto e magari condiviso il post che ho citato sopra, dirà: rieccoci; rieccoci a quei giochi di parole con cui ci si inventa malamente una nuova legge, malfatta, giocando di forbici sul…

View original post 1.551 altre parole

3 commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...